Amnesty International e Afrewatch collegano le batterie degli smartphone al lavoro minorile

Amnesty International e Afrewatch hanno rivelato un nuovo rapporto nel quale esse collegano direttamente le batterie degli smartphone a violazioni dei diritti umani nelle miniere di cobalto nella RDC. Grandi marchi dell’elettronica, compresi Apple, Samsung, Microsoft e Sony, non assicurano che i prodotti siano equi, poiché non tracciano la loro catena di rifornimento.

Il cobalto viene estratto dalle miniere nella RDC da bambini addirittura di sette anni, e dove i minatori lavorano in condizioni precarie, poi il cobalto viene venduto ai produttori di componenti delle batterie in Cina e Corea del Sud, e poi alle società elettroniche, prima che giunga sul mercato UE.

Leggi l’articolo sul sito di Amnesty.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*